Brescia. Una delle abitudini che caratterizzano i bresciani è certamente quella dell’utilizzo dell’automobile. E non sempre la disciplina ha a sua volta caratterizzato il comportamento dei bresciani sulle quattro ruote. Ma questo non potrà esser più un luogo comune dopo il risultato sorprendente del vertiginoso calo delle multe per il passaggio con il rosso. Negli anni il Comune ha dotato 16 impianti semaforici di sistemi di rilevazione in grado di fotografare il passaggio delle auto quando la luce rossa si accende. Dai 5640 verbali del 2013, si è passati ai 4.124 del 2014, con oltre 1500 unità in meno: un bel risultato in termini educativi, come sottolinea l’assessore alla sicurezza del Comune Valter Muchetti.  Gli incroci scelti per il posizionamento di questi impianti vengono prima studiati a tavolino, prendendo in considerazione dati come il passaggio dei pedoni, ma anche sul tasso di incidentalità che si verifica in quella particolare intersezione. Sono quindi necessari dei sopralluoghi tecnici, mentre vi è l’obbligo di segnalare con un cartello la loro presenza all’automobilista di passaggio. La legge permette infine la durata di 3 secondi del giallo, che invece a Brescia resta sopra i 4 secondi, proprio per il fine non vessatorio della presenza di questi impianti. Insomma, le possibilità di non prendere una multa ci sono tutte, ma l’attività del Comune in merito all’utilizzo dei T-red non si ferma certo qui.

 

Fabrizio Vertua

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata