Dopo la diffusione di un nuovo video che documenta con telecamere nascoste l’uccisione dei visoni negli allevamenti italiani, gli attivisti di EssereAnimali hanno dato vita ad un’azione eclatante nel centro di Bologna. Per protestare contro le pellicce si sono rinchiusi in una simbolica camera a gas, per dimostrare la morte orribile a cui sono destinati questi poveri animali solo perchè hanno una pregiata pelliccia. In Italia,  oltre 170.000 visoni sono uccisi ogni anno in questo modo, condannati ad una morte lenta e dolorosa per asfissia, dopo essere stati rinchiusi per mesi o anni in piccole gabbie. EssereAnimali ha lanciato una petizione per chiedere  al Governo di porre fine alle sofferenze di questi animali e di vietare la possibilità di allevare in Italia animali da pelliccia. Oltre il 90% della popolazione è favorevole a questo divieto e a riguardo sono già state presentate tre Proposte di Legge. “Questa protesta shock vuole stimolare una riflessione sulle similitudini, oltre le differenze, che vi sono tra noi esseri umani e gli animali. Entrambi proviamo sofferenza ed emozioni e questa evidenza scientifica può essere un punto di inizio attraverso cui ripensare il rapporto che intratteniamo con gli animali. Un visone non è una pelliccia, ma un essere senziente”, conclude l’associazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata