Venerdi 24 aprile, a Biella, si terrà una fioccolata di solidarietà per ricordare le 75 vittime dell’incendio doloso, dello scorso 12 aprile, che ha distrutto il Rifugio Italia di Andrea Cisternino, a Kiev. Il ritrovo è fissato davanti ai giardini Zumaglini alle 20,30. Il percorso porterà i partecipanti a percorrere via Italia fino a piazza Duomo, dove ci sarà una breve sosta per accendere e illuminare il cielo con le lanterne in memoria dei cani arsi vivi. Durante la serata, verranno raccolte offerte per ricostruire al più presto il “Rifugio Italia”. Questa manifestazione è solo una delle tante a sostegno dell’operato di Cisternino per i randagi ucraini. Nei giorni scorsi, nelle piazze di tutta Italia, si sono svolti numerosi cortei, a partire da Milano, poi Genova e Napoli. L’ultima fiaccolata è avvenuta a Montecatini sabato 18 aprile, in piazza del Popolo. L’evento, che ha visto una grande partecipazione, è stato organizzato da Liv Toscana e dal Canile Hermada, rifugio animali del luogo. Più di cento le persone che hanno preso parte alla fiaccolata insieme ai loro cani, vestite di bianco e portando in mano una fiaccola, un palloncino con la scritta “Boris”, il cane simbolo de “Il Rifugio Italia” o un cartello con l’hastag #iostoconAndrea. In piazza si è svolto poi un flash mob. Con i lumini è stato composto il nome del cane e tutti i partecipanti, disposti in cerchio, hanno osservato 10 minuti di silenzio prima di leggere tutti i nomi delle povere innocenti vittime pelose. In molti sono scesi in piazza e scenderanno ancora per dire no ad ogni forma di violenza perpetrata ai danni di qualunque essere vivente, sia umano che animale e per dimostrare la loro vicinanza ad Andrea Cisternino, che aveva costruito l’unico punto di accoglienza per randagi in Ucraina.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata