Dopo circa un anno di attesa, una delegazione dei comitati che si battono contro la realizzazione dell’autostrada Tibre, composta da alcuni sindaci dei territori interessati dal progetto e dal consulente, Cesare Vacchelli, sono stati ricevuti da due dirigenti del Ministero delle Infrastrutture. Contro il rpogetto della Tibre è statta presentanta una proposta alternativa molto comploessa e articolata che mira a soddisfare tutti gli interessi in gioco tenendo saldo l’obbiettivo di dirottare gli investimenti su ferrovie e ciclabili. La proposta presentata nasce da una premessa. Quattro i punti della proposta che i dirigenti sottoporranno al ministro Del Rio, che tiene conto degli interessi degli attori coinvolti, in particolare Autocisa e società Pizzarotti, già aggiudicataria del primo lotto.

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata