Cremona. Il referendum sulle concessioni alle trivelle entro le 12 miglia nei nostri mari, come punto di partenza per una riflessione sulle scelte del governo in materia energetica e la sua propensione nel finanziare e autorizzare piani considerati strategici senza la giusta informazione e senza il coinvolgimento della popolazione. E’ il caso dei progetti per la ricerca di idrocarburi che interressano Castelverde, Trigolo, Gussola, Fontevivo e Vescovato, e soprattutto degli stoccaggi di metano. Per fare chiarezza su questo delicato tema si è articolato un interessante incontro pubblico a Cremona.

 

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata