Musica e solidarietà vanno a braccetto. A sostegno delle vittime più piccole dei drammi che si stanno consumado in diversi paesi del mondo. Uomini, donne e soprattutto tanti, tantissimi bambini, non lontano da noi, in Giordania, ai confini con la Siria, vivono in condizioni davvero drammatiche ma, purtroppo, spesso non ce ne rendiamo conto: mancano loro I beni di prima necessità; non solo, a volte viene negata loro anche la possibilità di andare a scuola. Per riflettere su queste situazioni, sulle cause dell’esodo siriano, per sostenere della scuola per profughi siriani di Mafraq, in Giordania è stata organizzata una serata a palazzo Cittanova, a Cremona. Sul palco, tra gli altri, Moni Ovadia. Tra le diverse personalità e testimonial del mondo della cultura, l’ex Direttore del Teatro dell’Opera di Damasco Nabil al Lay, fuggito dalla Siria. L’esodo, coinvolge sul tema dei richiedenti asilo il nostro paese e anche la Città di Cremona.

Claudia Barigozzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata