Cremona Il progetto che ha tenuto impegnati gli uffici comunali in una  corsa contro il tempo durata alcune settimane è stato presentato ieri  al ministero. Capofila di un gruppo di Comuni per totale di 122mila  abitanti – Crema, Bonemerse, Gerre de’ Caprioli, Gussola, Malagnino,  Sesto ed Uniti, Spinadesco e Vescovato – Cremona dunque, col sostegno  di diversi soggetti privati, ora attende che il programma dei lavori  per i percorsi sostenibili casa-scuola e casa-lavoro sia premiato dal  concorso del ministero dell’Ambiente, nella speranza che il  finanziamento complessivo – solo 35 milioni di euro alla fine dell’anno scorso – sia completato e che tra un’emergenza e una crisi il concorso non venga sospeso. Diversi Comuni non hanno potuto partecipare con progetti propri per non dover affrontare il rischio di
un finanziamento non sicuro che sarebbe stato poi coperto con le risorse dei magri bilanci locali. L’importo complessivo del progetto è di un milione e 581mila euro, finanziato per il 40% dagli enti locali
e dai partner pubblici, come il Politecnico di Milano. Il Comune di Cremona ha impegnato 112mila euro e punterà sulla riduzione dei gas inquinanti diffondendo piedibus, bicibus, biciclette a noleggio,automobile condivisa, abbattimento di barriere architettoniche e messa in sicurezza di percorsi pedonali e ciclabili verso le scuole. Saranno create zone a 30 all’ora attorno alle scuole Capra Plasio, Monteverdi e Bissolati, si rafforzerà la segnaletica verticale e orizzontale vicino alle scuole Trento Trieste, Bianca Maria Visconti e Manzoni, saranno messi in sicurezza gli attraversamenti pedonali delle scuole San Giorgio e Capra Plasio. Dopo tante proteste, l’aria attorno alle scuole potrà essere più respirabile. Molti i progetti, fra cui una ciclabile protetta a Spinadesco, per i lavoratori, ma anche un servizio di bus a emissioni zero, progettato da Km assieme a un’industria. Se il ministero non darà finanziamenti, Cremona provvederà con risorse proprie, previste nel programma triennale delle opere pubbliche. E’ questo il programma principale, a Cremona, per abbattere l’inquinamento con una serie di azioni positive.

 

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata