Piacenza. Un albanese di 42 anni, impiegato presso una ditta piacentina di autotrasporti, è stato bloccato in centro storico a Piacenza durante un controllo dalla sezione mobile del nucleo polizia tributaria della Guardia di finanza: l’uomo doveva scontare una pena di 12 anni per una condanna inflittagli nel 2004 dalla procura generale di Milano per l’omicidio di un connazionale, con distruzione e occultamento del cadavere, avvenuto a Sesto San Giovanni nel 1997, dove aveva freddato un connazionale con tre colpi di arma da fuoco, oltre che per il reato di sfruttamento della prostituzione. Il 42enne, che da tempo viveva a Piacenza sotto falsa identità, si era pienamente inserito nell’ambiente criminale locale e, dopo la perquisizione della sua abitazione e del magazzino della ditta in cui lavorava, hanno trovato e sequestrato 2,5 chili di cocaina purissima, che avrebbero fruttato migliaia di dosi per il mercato locale, 10 chilogrammi di marijuana, due pistole, 150 munizioni, un teser, l’attrezzatura per clonare carte di credito, fiale di lidocaina, potente anestetico presumibilmente utilizzato per narcotizzare le vittime di furti all’interno di abitazioni private, giubbotti anti proiettile ed elettrodomestici, abbigliamento, pneumatici e scarpe rubate, il tutto per un valore di circa 700mila euro. L’uomo aveva dei documenti con generalità false e le fiamme gialle lo monitoravano da tempo; lo straniero, residente nella zona cittadina di San Lazzaro e impiegato in una ditta di autotrasporti di Piacenza, da diverso tempo. Poi, dopo diversi pedinamenti, è stato allestito un posto di blocco ed è stato fermato mentre era bordo della sua Audi A4. Inizialmente impassibile, quando gli è stata mostrata la sua foto ha capito di essere stato scoperto e si è agitato. Le forze dell’ordine hanno passato al setaccio anche il garage e la ditta per cui lavora e il proprietario dell’azienda dove è stata rinvenuta la refurtiva è stato denunciato per ricettazione. Ora, le indagini proseguono per chiarire la provenienza della merce rubata.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata