In questa puntata con Il Dottor Giovanni Giannotti, ideatore del Metodo GAG e della Medicina degli Ibridi Omeopatici, abbiamo trattato l’argomento dei Disturbi da attacchi di panico. Capiremo con il Dottor Giannotti come curarli con la medicina degli ibridi omeopatici.

Oggigiorno sempre più persone soffrono di forme di attacchi di panico. Nonostante ci siano tante caratteristiche in comune, l’attacco di panico di ognuno è unico, come è unico il carattere, come è sempre unica la storia di vita, come anche è unica l’anamnesi o storia delle malattie: per questo è unica e individualizzata la cura con gli ibridi omeopatici. L’ibrido adatto alla persona agisce sia sulla mente che sul corpo.

Come possono gli ibridi omeopatici (composti da 3 o 4 rimedi costituzionali) curare i molti disturbi del corpo e della mente?

Gli ibridi omeopatici riportano il buon funzionamento nel corpo e nella mente con guarigione duratura.

Invece il farmaco materiale che agisce direttamente sul corpo ha un effetto legato all’assunzione; alla sospensione il corpo subisce di nuovo un cambiamento e i sintomi si ripresentano. Certi farmaci come gli ansiolitici agiscono subito e dopo la sospensione i sintomi tornano presto. Altri farmaci come gli antidepressivi richiedono tempo per agire e dopo la sospensione mantengono l’effetto per un certo periodo, dopo di che i sintomi si possono ripresentare. Perchè? Le molecole del farmaco materiale agiscono sulle cellule nervose del cervello, ma la causa rimane e alla sospensione del farmaco riprende ad esercitare il suo malgoverno, che provoca malfunzionamento nelle cellule nervose e quindi ansia.

Ma come si manifestano gli attacchi di panico? Parliamo di una condizione che basa le sue fondamenta sulla mancanza di autostima e sull’insicurezza, che portano l’individuo a subire un blocco ed una paura irrazionale e non motivata da alcun pericolo reale.

L’attacco di panico è dunque l’eccessiva preoccupazione e la paura dell’irrazionale, dipendente da una sensazione di inadeguatezza che spinge chi ne soffre a vivere come un pericolo qualsiasi evento gli accada intorno. L’attacco di panico può danneggiare gravemente la vita sociale della persona e anche la sua vita professionale, in quanto è un nemico invisibile che non smette mai di manifestare la propria ombra, e di distrarre chi ne soffre, terrorizzandolo.

Sintomi degli attacchi di panico:

– Difficoltà respiratorie.

– Paura di morire o di impazzire.

– Aumento della frequenza cardiaca e/o palpitazioni.

– Sudorazione.

– Dolori al petto.

– Vertigini, stordimento, tremori, brividi o al contrario vampate di calore

– Formicolio o intorpidimento alle mani, al viso, ai piedi o alla bocca.

– Rossore al viso e al petto.

– Nausea o disturbi addominali

– Dissociazione, percezione di non essere nel proprio corpo.

– Terrore, angoscia e sensazione che qualcosa di orribile stia per accadere.

– Pianto incontrollabile (spesso anche dopo la crisi acuta degli attacchi di panico).

Di seguito alcuni rimedi costituzionali che frequentemente possono sviluppare gli attacchi di panico:

Argentum Nitricum: terrore di attraversare viadotti e gallerie

Aconitum: la persona è terrorizzata ed ha paura di morire

Gelsemium: la persona ha paura di morire di infarto, di attacco di cuore

Petroleum: sofre dei sintomi tipici degli attacchi di panico

Opium: In seguito ad un grande spavento (schock), la persona può sviluppare il diabete mellito.

 

 

Per contattare il dottor Giovanni Giannotti:

Studio di Lugano (Svizzera)

Via L. Lavaza 2/A 6900

Tel: 0041/789307003

email docgiannotti@icloud.com

Il libro del dottor Giovanni Giannotti: “La Medicina degli Ibridi Omeopatici: il segreto custodito tra gli scritti di Samuel Hahnemann per la cura delle malattie croniche costituzionali” è in vendita su Amazon al seguente QUI.

2 Risposte

  1. Giuseppina

    Gentilissimo dottor Giannotti, sono 20 anni che soffro di ansia e attacchi di panico e vorrei sapere se con il suo metodo è possibile guarire anche se sono tanti anni di sofferenza.
    Nell’attesa di ricevere notizie a breve, porgo cordiali saluti.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata