Mi chiamo Elisabetta Sangalli ed ho 69 anni. Verso i 55 ho iniziato ad ingrassare, pertanto nel 1995 mi rivolsi ad un dietologo, il quale mi prescrisse una dieta ferrea. Partendo da un peso di 92 kg, dopo circa un anno avevo perso più di 20 kg, ma – ahimè – li ripresi con gli “interessi” l’anno successivo. Vista la situazione e mossa dalla speranza di raggiungere un risultato migliore, nel 2005 cambiai dietologo.

Due mesi dopo la prima visita, mi prescrisse quello che lui chiamava “il farmaco”, in quanto il mio calo non incontrava le aspettative, farmaco che in seguito avrei saputo contenere anfetamine, dalle quali, dietro esortazione del mio medico di base, dovetti disintossicarmi poco alla volta! Anche in questo caso riacquistai con gli interessi i vari kg persi. Ormai senza speranza continuavo le diete prescritte, provavo dimagrire con l’uso di beveroni che dovevano sostituire il pasto, ma quando salivo sulla bilancia, erano dolori: da 80 kg. ero arrivata a pesare 103,6!

Peso aggravato dai seguenti disturbi e rispettivi farmaci: ipertensione (Igrotone Lopresor e Olmetec 10), diabete (Glycazide), uricemia (Allopurinolo), ipercolesterolemia (Toravsto 20), cistite e diverticolite ricorrenti (innumerevoli antibiotici), oltre ad una marcata stenosi aortica.

Ed ecco la chiave di volta grazie ad un articolo su un quotidiano locale (L’Adige) dell’ 8 aprile 2009: detto fatto, il giorno successivo iniziai assieme a mia figlia il Metodo Zangirolami. Quel giorno fu l’inizio della nostra svolta.

Ad oggi sono trascorsi 10 mesi, le analisi del sangue sono perfette, tanto è vero che non assumo più i farmaci per i disturbi di cui sopra. Tutte le altre sintomatologie sono scomparse, così come sono scomparsi quasi 24 kg: sono giunta infatti ad un peso di 80 kg.

Ho riscontrato un netto miglioramento psicofisico; nel dott. Ivan Zangirolami ho trovato una persona dotata di una spiccata umanità ed una profonda conoscenza della materia.
Il suo Metodo non è eccessivamente restrittivo, gli esercizi sono di facile esecuzione anche per una persona della mia età e soprattutto non prevede l’assunzione di nessun farmaco.
Sono a dir poco entusiasta dei risultati ottenuti e non intendo mai più rinunciare al benessere ritrovato.

Unico rimpianto: non averlo saputo prima di quell’8 aprile 2009.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata