Il 7 luglio scorso è stato approvato da 122 paesi il Trattato di interdizione delle Armi nucleari. L’Italia non ha però partecipato al voto, dal momento che ospita sul suo territorio basi Nato e depositi di armi nucleari. Una manifestazione a Ghedi, proprio alla base bresciana, è organizzata per sabato prossimo, 20 gennaio, per dire no alle basi militari in Italia, per dire no alle basi italiane all’estero, no alle armi nucleari e no alle missioni di pace. A proposito di un mondo diverso possibile, qualcosa si muove nella Siria del Nord e l’informazione sempre di più arriva anche dalle parole dei testimoni.

A Cremona domenica si è tenuto un incontro pubblico presso la Saletta del Forum del Volontariato a Cremona, in cui Gianluca Rossi e Leopoldo Odelli, due giovani cremonesi, hanno raccontato il viaggio di due mesi che li ha visti in Siria del Nord,  in particolare nei territori dove la rivoluzione in corso ha scritto un nuovo possibile futuro fatto di pace e di convivenza per quelle popolazioni, grazie alla Confederazione democratica che è già una realtà. Una parte della testimonianza di Gianluca Rossi e Leopoldo Odelli viene riproposta nella puntata, in merito ai rapporti della Confederaizone con le potenze internazionali.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata