Secondo le nuove regole approvate nella repubblica elvetica le aragoste, prima di essere cotte in acqua bollente, dovranno essere “stordite”. Per farlo sono stati previsti due metodi alternativi: uno consiste nella “distruzione meccanica” del cervello, l’altro nel sottoporre l’aragosta all’elettroshock.

L’attenzione riservata ai crostacei come astici ed aragoste risiede nel sospetto che questi animali, abitualmente cotti in acqua bollente ancora vivi e coscienti, siano dotati di un sistema nervoso complesso; un fatto che sarebbe sufficiente a causare forti sofferenze con i tradizionali metodi di uccisione. Per la stessa ragione è stato disposto, nell’insieme di nuove norme approvate dal governo svizzero, che i crostacei non siano più trasportati in casse di ghiaccio tritato, bensì solo “nel loro ambiente naturale”, ovvero l’acqua di mare.

Al centro delle attenzioni del legislatore elvetico sono finiti non solo i metodi di uccisione e trasporto dei crostacei, ma – fra le altre cose – anche i dispositivi che puniscono in automatico i cani quando abbaiano e le importazioni di cuccioli da allevamenti illegali.

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata