Non appena saranno ultimate le ristrutturazioni saranno 2800 gli alloggi popolari che Aler Milano metterà a disposizione di coloro che sono in emergenza abitativa. Gli appartamenti sono dislocati in tutta la città, San Siro, Lorenteggio, Gratosoglio, Corvetto, Niguarda, via Salomone. Secondo il presidente Mario Angelo Sala, i bandi di gara saranno disponibili a partire da marzo, 2019, però. Ad un anno dal suo insediamento, perà, Sala tiene a sottolineare come la morosità sia stata ridotta da 51 a 38 milioni di euro, così come sono aumentati gli sgomberi degli occupanti abusivi e gli alloggi recuperati. Nel 2017, però, sono aumentati i tentativi di occupazione, quasi 900, rispetto ai 714 del 2016. Le occupazioni abusive sono una vera e propria piaga per l’ente che gestisce oltre 38mila alloggi che, per questo motivo, ci rimette 14 milioni di euro all’anno. I soldi necessari per rendere dignitosi gli appartamenti in degrado arrivano da un finanziamento di 18 milioni di euro che derivano dal piano vendite e da una erogazione diretta di Regione Lombardia. Ulteriori 10 milioni sono stati stanziati, sempre dal Pirellone, per la ristrutturazione delle abitazioni del capoluogo, 10 mila euro per ogni appartamento messo a posto.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata