Un team di scienziati ha creato batteri geneticamente modificati che producono l’ingrediente chiave per creme solari ecologiche. In uno studio pubblicato sulla rivista Synthetic Biology, i ricercatori dell’università della Florida spiegano di aver scoperto un metodo per produrre in laboratorio la shinorina, una sostanza naturale in grado di assorbire le radiazioni UV.

Alcuni componenti sintetici dei filtri solari che si usano abitualmente sulle spiagge possono accumularsi negli ambienti acquatici e creare danni ambientali, ad esempio alle barriere coralline. Un’alternativa è la shinorina, una sostanza prodotta naturalmente da cianobatteri e alghe marine. La shinorina ora usata in alcune creme solari proviene da alghe rosse raccolte in mare, ma la sua resa può variare stagionalmente e geograficamente, limitandone l’offerta.

Per ovviare a ciò, gli scienziati hanno inserito il gene responsabile della produzione di shinorina nei batteri, che così si sono trasformati in una sorta di fabbriche in miniatura della sostanza. Spostando la produzione dalla natura al laboratorio, concludono i ricercatori, si è creata una fonte più affidabile di shinorina che in futuro potrà essere usata per produrre creme solari non eco-tossiche.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata