Sono arrivate le motivazioni della sentenza della Cassazione che ha condattato in via definitiva a pene comprese tra un anno e un anno e mezzo di reclusione il direttore dell’allevamento di Green Hill Roberto Bravi, il veterinario Renzo Graziosi e Ghislaine Rondot, cogestore della struttura. 2639 gli esemplari sottoposti a trattamenti insopportabili per le loro caratteristiche etologiche: intanto la Lav, che ha seguito le tre fasi del processo, riporta l’attenzione sull’assoluzione, poco coerente, dei veterinari delle Asl. Sentiamo Gianluca Felicetti, presidente nazionale di Lav

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata