Una situazione dovuta al cambiamento climatico e al riscaldamento del pianeta, è quanto emerge da un rapporto pubblicato dall’Amministrazione nazionale degli affari oceanici della Cina.

«Nel 2017 il livello medio del mare lungo la costa cinese è stato superiore di 58 mm rispetto alla media registrata tra il 1993 e il 2011. Negli ultimi 6 anni, il livello del mare lungo la costa cinese è rimasto elevato in rapporto ai 24 anni precedenti. La situazione è dovuta al cambiamento climatico e al riscaldamento del pianeta».

Per questo l’Amministrazione nazionale degli affari oceanici chiede che vengano prese iniziative per far fronte all’innalzamento del livello del mare e Chen Zhi, un alto funzionario dell’Amministrazione spiega all’agenzia ufficiale Xinhua che

«L’innalzamento del livello del mare porterà all’aumento delle zone inondate dall’acqua di mare, aggraverà le catastrofi marittime e nuocerà agli ecosistemi»

Secondo il rapporto la capacità di prevenire e di rispondere alle catastrofi deve essere rafforzata. Visto che l’innalzamento del livello del mare deve essere preso in considerazione nel layout delle città costiere e nella pianificazione delle infrastrutture. Le città costiere dovrebbero anche verificare la loro capacità di proteggersi dalle inondazioni e migliorare gli standard di progettazione per i principali progetti infrastrutturali nel delta del fiume Yangtze, nel delta del fiume delle Perle e nella zona costiera di Bohai.

Infine all’interno del rapporto propongono di promuovere la cooperazione internazionale nella governance marittima globale, in particolare in termini di osservazione e previsione, valutazione del rischio e risposta all’innalzamento del livello del mare.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata