Da Brescia è partita una petizione per dire No alle lezioni di caccia nelle scuole. I promotori chiedono di non autorizzare nè promuovere incontri sul tema della caccia nelle scuole. Gli interlocutori sono menti plasmabili e l’inganno è dietro l’angolo: bambini e ragazzi minorenni ai quali si raccontano ‘fiabe’ dove i fucili non fanno male ma sono elementi culturali e consentono svago e divertimento. Nelle scorse settimane, in Valtrompia, nel bresciano, terra di fucili e tradizioni venatorie, dove la caccia è considerata cosa buona e giusta, Consorzio Armaioli ha organizzato delle lezioni, in classe, tenute da cacciatori. E’ successo nella elementare di Gardone e Marcheno. ‘Normale’ appare anche per la Regione Veneto e la Provincia di Treviso che hanno patrocinato un”iniziativa simile titolata: “Giovani a caccia di esperienze”. La petizione è disponibile sul sito Change.org al seguente link: https://www.change.org/p/no-alle-lezioni-di-caccia-nelle-scuole-miursocial?source_location=search_index&algorithm=promoted&original_footer_petition_id=&grid_position=3&pt=AVBldGl0aW9uADgMxwAAAAAAWrqN6oF6yJ02NzU4N2ZkMg%3D%3D

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata