William Lorini, di 21 anni, è stato ucciso la scorsa notte dal suo amico, Marco Villa, di 27, per una lite scoppiata in strada dopo una serata a base di alcol e cocaina. Villa, che era insieme alla propria compagna, ha accoltellato all’addome Lorini, che ha tentato inutilmente di difendersi con una livella. Trasportato all’ospedale San Raffaele il giovane è morto poco dopo il ricovero. Marco Villa è stato arrestato. La causa scatenante della lite tra i due giovani non è stata ancora accertata, ma l’ipotesi è che sia nato tutto da una discussione per motivi di gelosia nei confronti della ragazza di Villa. Dopo una serata trascorsa tra alcol e droga, i due hanno cominciato a discutere in strada. Pare che Lorini abbia minacciato l’altro con una livella da muratore e così, arrivati in via Meucci, nella periferia milanese, Villa è salito a casa della fidanzata per prendere un coltello con cui si è scagliato contro l’amico e lo ha colpito due volte all’addome, procurandogli ferite che lo hanno ucciso pochi minuti dopo l’arrivo all’ospedale San Raffaele. I due giovani si conoscevano bene e avevano da poco avviato un’attività di restauro. La livella usata da Lorini era infatti uno dei loro utensili da lavoro. Bloccato dalla polizia, Villa ha prima ammesso le proprie responsabilità e poi ha rilasciato dichiarazioni spontanee al pm di turno. Gli investigatori hanno raccontato che una volta in Questura è apparso tranquillo. Il reato contestato dal pm di turno è dunque omicidio aggravato dai futili motivi.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata