Un nuovo spazio espositivo dedicato ai giovani artisti, all’interno di un più vasto progetto di diversificazione e apertura degli spazi della sede milanese di Leonardo Assicurazioni in viale della Liberazione. “Spazio Leonardo” apre quindi i battenti con la sua parete di 22 metri messa a disposizione degli artisti, in dialogo con un bar e altri luoghi dedicati al confronto e alla multidisciplinarietà.Gian Luca Buzzetti, Agente generale di Leonardo assicurazioni, ci ha raccontato da dove arriva il progetto. “Nasce dal concetto di creare nella nuova Milano, nel quartiere Porta Nuova, uno spazio che andasse al di là del business normale della Leonardo assicurazioni. Abbiamo voluto creare uno spazio interdisciplinare, nel quale accogliere i milanesi, i giovani, e alcune situazioni diverse: pensiamo all’arte, alla cultura, a spazi polifunzionali, nei quali dare la possibilità ai giovani, in particolare milanesi, di mettersi in mostra”.A collaborare al progetto artistico è stata chiamata la galleria piacentina UNA, diretta da Paola Bonino, che ha scelto il programma degli artisti, a partire da Thomas Berra, cui è stato affidato il compito di accompagnare il debutto di Spazio Leonardo. “Thomas Berra – ci ha spiegato – è un giovane artista milanese nato nel 1986 che lavora con la pittura e nel suo lavoro ha un dialogo molto forte con la storia e con i maestri. E questo si può vedere nella mostra site specific realizzata per Spazio Leonardo che si intitola ‘Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo’ ed è quindi un omaggio a Tano Festa”.Lo spirito che si percepisce visitando la sede di Leonardo assicurazioni, del gruppo Generali, è frizzante, si sente l’energia di un luogo che, accanto al lavoro, offre anche altro. “Milano – ha aggiunto Buzzetti – è vissuta come una delle città europee più attrattive: noi lo sentiamo molto e vogliamo dare il nostro contributo. Per questo c’è Spazio Leonardo, per questo c’è UNA Galleria, per questo abbiamo dato ad alcuni giovani artisti la possibilità di supportarci nella nostra voglia di trasmettere energia e cambiamento”.”Sicuramente per noi – ha aggiunto Paola Bonino – è molto importante avere uno spazio qui a Milano. Noi siamo una galleria che ha sede a Piacenza, quindi è anche un’opportunità per ampliare la nostra vetrina e il nostro pubblico”.Dopo Thomas Berra, nel 2018, lo Spazio Leonardo ospiterà altre due mostre di giovani artisti italiani, sempre realizzate con UNA Galleria: Simone Monsi e Irene Fenara.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata