Il futuro per una mobilità ‘verde’ del mare è già possibile grazie al progetto “Energy Observer”, il catamarano-progetto che dal 5 al 15 luglio fa la “tappa” veneziana del suo grande tour mondiale destinato a concludersi nel 2022.

Con l’aiuto di sponsor tecnici, tra cui Prysmian per i collegamenti con cavi ad alta tecnologia ricavati dall’industria aerospaziale, la barca-laboratorio monta un motore elettrico alimentato da 141 metri quadrati di celle fotovoltaiche e da un sistema eolico. A questo sistema è stato accostato un sistema di stoccaggio di idrogeno ricavato dall’acqua marina, pompata, desalinizzata, poi ricomposta e immessa nuovamente nel mare.

Il grande scafo di 30,5 per 12,8 metri, ricavato dal refitting di una barca a vela degli anni ’70, è ormeggiato all’Isola della Certosa, “paradiso” naturale della Laguna per il diporto e l’ambiente. Qui il team degli 11 membri dell’equipaggio e degli sponsor tecnici ha allestito un Villaggio con un percorso didattico.

Dalla partenza a Saint-Malo (Francia) nel giugno 2017, Energy Observer ha percorso più di 7.600 miglia lungo le principali rotte commerciali marine, e terminerà la sua “Odissea per il futuro” nel 2022, con lo sbarco a New York alle Nazioni Unite.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata