Un’indagine condotta da Animals Asia rivela le devastanti sofferenze e violenze sopportate da orsi, elefanti ed oranghi abusati nei vergognosi circhi vietnamiti. Gli occhi pieni di paura di un esemplare di orso della luna in pericolo di estinzione, costretto in una museruola di pelle, vestito con una gonna e forzato ad esibirsi in sella ad una motocicletta. La frusta dell’addestratore, sempre in agguato, ricorda al povero orso quali siano le conseguenze nel caso si rifiuti di collaborare. Questo orso della luna terrorizzato è uno tra i tanti animali disperati costretti a sopportare una vita fatta di dolore, miseria e paura in uno dei vergognosi circhi di animali presenti in Vietnam. Gli abusi subiti quotidianamente da orsi della luna, elefanti, macachi ed oranghi detenuti in circhi in tutto il Vietnam sono innegabili. Costretti in gabbia o in catene per lunghi periodi, addestrati con la forza, le intimidazioni e le violenze, molti animali soffrono di autolesionismo a causa dell’intenso stress a cui sono sottoposti. Animals Asia è seriamente preoccupata anche del fatto che molte delle specie a rischio – come orsi della luna, oranghi ed elefanti – non siano state regolarmente registrate. Questo perché molto probabilmente gli animali sono stati procurati illegalmente, tramite bracconieri o trafficanti di fauna selvatica. Ad oggi, nonostante Animals Asia abbia condiviso le proprie scioccanti scoperte con il governo vietnamita, non è ancora stata intrapresa alcuna azione a riguardo. Bolivia, Croazia, Costa Rica, Grecia, e più recentemente anche la Scozia, si sono unite alla crescente lista di paesi che hanno messo al bando i crudeli circhi con animali selvatici. Ora è tempo che anche il Vietnam vi prenda parte. Animals Asia rimane pronta a partecipare al salvataggio di ogni animale presente nei circhi vietnamiti. Per questo Animals Asia ha lanciato una petizione  rivolta al governo vietnamita per chiedere di vietare gli spettacoli circensi con animali e di trasferire subito gli animali nelle riserve.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata