PETIZIONE: TUTELIAMO I GATTI ABBANDONATI!

Sono una cittadina italiana e da anni mi occupo di gatti randagi, tirando fuori i soldi dalle mie tasche. Gatti abbandonati o fatti nascere senza motivo da altri cittadini.

SONO STANCA, ma non degli animali! Sono stanca di vederli morire di fame, di non vedere miglioramenti e soprattutto di non trovare mai un responsabile.

Questa è la situazione italiana (nord, centro e sud Italia senza troppe differenze):

1) Troppi gatti vaganti sul territorio (abbandonati da privati): sfatiamo il mito che il gatto possa cavarsela da solo, soprattutto se ha fatto una vita su un comodo divano e poi si è ritrovato di colpo in mezzo alla strada!

2) Microchip non obbligatorio (unico metodo per riconoscere il proprietario dell’animale);

3) Migliaia di nascite ogni anno, di cui il 70% viene abbandonato sul territorio. I cittadini, sensibili alla questione, devono occuparsi di 30-40-50-60 gattini da allattare ogni anno, raccogliere cuccioli di pochi giorni malati o feriti, curarli e cercare loro una casa;

4) I gattili (tutti non sovvenzionati e su base di volontariato) non riescono più a ritirare i gatti abbandonati perché sono al collasso;

5) I cittadini, sensibili alla causa, si ritrovano con tantissimi gatti (non di loro proprietà) da curare e sfamare, ovviamente utilizzando i propri soldi.

6) La maggioranza delle amministrazioni locali, per non dire la totalità dei comuni, che sarebbero per legge responsabili delle varie colonie feline, ignorano volontariamente le varie situazioni denunciate dai cittadini o, addirittura, intimano il divieto di nutrire gli animali e in questo modo provocarne la conseguente morte per deperimento.

E’ ORA DI DIRE BASTA AI GATTI ABBANDONATI PER STRADA!

Chiedo, insieme a tutti coloro che sosterranno questa petizione, di:

1) Creare un’anagrafe felina con microchip obbligatorio, entro 60 giorni dalla nascita o prima della cessione a qualsiasi titolo;

2) Rendere obbligatoria la sterilizzazione per gatti non da riproduzione (rilasciare una licenza per la nascita di felini solo agli allevatori iscritti ad Associazioni feline serie e riconosciute (ANFI, AFI ecc);

3) Riconoscere un contributo alle strutture e alle associazioni di volontariato che promuovono la sterilizzazione, la cura e l’adozione del gatto.

4) Censire, microchippare e sterilizzare tutte le colonie feline per legge.

5) Obbligare gli stessi comuni, come avviene per i canili, a stipulare convenzioni con le associazioni che gestiscono le realtà locali.

6) Far nascere strutture riconosciute per legge che ospitino i gatti randagi.

SEI D’ACCORDO CON ME?

SE SOSTIENI QUESTA CAUSA, FIRMA E CONDIVIDI

37 Risposte

    • Antonella

      firmerò , ma secondo me bisognerebbe chiedere la chiusura di allevamenti e negozi che vendono animali , e così si svuotetebbero gattili e canili ( dove comunque ne trovi anche di razza)

      Rispondi
  1. Gianna Giacomello

    Spero tanto che si arrivi a una buona soluzione a tutela dei gatti randagi e al sostegno economico x le volontarie che si prendono cura dei felini bisognosi

    Rispondi
  2. OLIVIA GOLLINO

    sono d’accordo. Spero con tutto il cuore che questo sogno possa realizzarsi perchè è una sofferenza vedere queste meravigliose creature soffrire per la stupidità e l’egoismo di troppi cosiddetti “umani” che di umano non hanno niente……

    Rispondi
  3. Chiara

    Pienamente d’accordo, i gatti e gli animali vanno tutelati, diamo una voce a queste creature, parliamo e agiamo noi per loro.

    Rispondi
  4. Federica Nardò

    Sono d’accordo, si parla troppo poco dei gatti, e sono meno tutelati rispetto ai cani.

    Rispondi
  5. Nadia

    Poverini dobbiamo fare del tutto per tutelarli. C’è ancora troppo odio nei confronti dei gatti. E troppa ignoranza e troppi luoghi comuni da medioevo su di loro

    Rispondi
  6. Maria

    Dobbiamo lottare a finche tutti gli animali vengano rispettati curati e tutelati da leggi severe..

    Rispondi
  7. Rosanna

    Sarebbe bello poter tutelare i randagi e offrirgli una vita dignitosa. Sosteniamo questa petizione per amore dei felimi.

    Rispondi
  8. Michela

    Sono d’accordo. I volontari sono pochi e non possono farcela da soli a risolvere il problema. Devono essere aiutati!

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata