Il gatto Bengala e Raidho Healing Horses

Durante la puntata di ‘Cani, Gatti & Compagnia’ insieme alla conduttrice Natalie Baronio abbiamo conosciuto Daniele Grillo dell’Allevamento ‘Glittersand’, abbiamo conosciuto un piccolo leopardo in miniatura ma docile, socievole e giocherellone si tratta del gatto Bengala.

Un gatto sicuramente bellissimo, ma questa razza presenta non poche particolarità ed è per questo motivo che è diventata sempre più famosa ed apprezzata.

Dal punto di vista fisico, la caratteristica principale del Gatto del Bengala è senza dubbio il suo mantello maculato che deriva appunto dal suo antenato leopardo. Con caratteristiche leggermente differenti da un gatto domestico è cioè esageratamente mansueto, anche se la sua indole selvaggia può effettivamente uscire in determinate occasioni, questo gatto rimane molto dolce e affettuoso, infatti la componente addomesticata prevale nettamente.

Si adatta benissimo alla vita in appartamento ma è sempre meglio predisporre degli spazi dedicati solamente a lui, in modo da evitare danni in casa.

La corporatura è piuttosto robusta e muscolosa, i maschi in particolare possono raggiungere anche i 9-10 Kg di peso. L’aspetto peculiare è rappresentato dalla coda, abbastanza tozza ma con la punta sempre nera. Gli occhi sono rotondi ed espressivi ed il loro colore può variare da esemplare ad esemplare.

Per quanto riguarda il mantello, che è la caratteristica più spiccata di questo bellissimo gatto, può essere differente da esemplare ad esemplare. Alcuni mici presentano delle striature con la punta della coda rigorosamente nera mentre altri sono proprio maculati, esattamente come un vero leopardo.

Nella seconda parte della trasmissione scopriremo un percorso di crescita personale con Raidho Healing Horses ideato dalla trainer italo/tedesca Alexandra Rieger. Partito cinque anni fa, con il percorso rivolto a persone e terapeuti “Raidho, a cavallo dei 7 chakra” ora ha due nuove ramificazioni: il percorso di equitazione energetica “Raidho in sella”, rivolto a cavalieri e amazzoni per portare nel montato classico i principi Raidho, e il seminario di chiarificazione di situazioni complicate o nebulose “Cavalli e dinamiche invisibili”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata