Durante la puntata di ‘Cani, Gatti & Compagnia’, la conduttrice Natalie Baronio ci ha fatto conoscere tre ospiti: Giovanni Monteverde dell’allevamento ‘Olvinglay’ , la Dott.Fabiana Ferrari, biologa e responsabile del centro di recupero ed il Dott. Riccardo Rossi, veterinario e direttore sanitario del CRAS.

Con Giovanni Monteverde abbiamo parlato del carattere, esposizioni della razza Golden Retriever ma soprattutto del suo allevamento ‘Olvinglay’ a Travo in provincia di Piacenza.

Qualcosa di più Golden Retriever:

Golden Retriever, cane di media taglia caratterizzato dal pelo lungo e ondulato, il Golden Retriever al garrese misura circa 60 cm, per le femmine qualcuno di meno, e pesa 30 Kg, le femmine 27, è ben costruito e robusto, ha una espressione mite.
Il suo portamento è molto elegante, anche grazie al lungo pelo dorato, lucente e frangiato, ma non solo: proprio il suo profilo sinuoso ma muscoloso è caratteristico, è sintesi di potenza e grazia.

Il muso ha due occhioni grossi e scuri che catalizzano l’attenzione, è largo e spicca il tartufo assolutamente nero, poi ci sono le orecchie pendenti e piuttosto grandi. Il pelo, come abbiamo subito detto, prima ancora visto, per il Golden Retriever è la caratteristica più riconoscibile e significativa, è ondulato e piatto e sulla coda aumenta. Le tinte ammesse per il mantello sono quelle che vanno dall’oro al crema, estremi compresi.

Golden Retriever è leale e fedele, molto affettuosa soprattutto con la sua famiglia di adozione a cui si lega molto. A difficilmente a meno della compagnia dell’uomo, se poi ci sono dei bambini ama giocarci e lo sa fare in perfetta sicurezza. Non disdegna neanche l’opzione passeggiata, con i più grandi, circola rapido e curioso anche in luoghi inesplorati, ma si trova bene a riposare in appartamento, al suo ritorno, senza soffrire particolarmente.

E’ un po’ pigro quindi, facendolo uscire varie vole al giorno, il Golden Retriever può stare anche in una casa senza giardino. In presenza di altri animali, il Golden Retriever ha un atteggiamento più che amichevole, gatti compresi, e la maggior parte del bestiame da fattoria anche. Hanno molte doti extra – caccia tra cui la socievolezza e la mitezza.

Insieme alla Dott.Fabiana Ferrari, biologa e responsabile del centro di recupero ed il Dott. Riccardo Rossi, veterinario e direttore sanitario del CRAS abbiamo parlato del ‘Rescue Center’, un centro che nasce per aiutare gli animali meno fortunati.  Scopriremo insieme cosa fare in caso di ritrovamento di Fauna Selvatica in che modo gestire i recuperi, in che modo avviene il primo intervento Cras. Inoltre scopriremo in che modo gestire lo stress dell’animale selvatico, in quale modo avviene la liberazione.

Si parlerà anche del corso di formazione dei volontari per il CRAS che si svolgerà il 16 e 23 Novembre.

 

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata