Il centrodestra si è spaccato, dividendosi in due liste, col risultato di ottenere il 31 ottobre la conferma della lista guidata dal presidente uscente Davide Viola, con i suoi 31.553 voti. Sono tutti voti ponderati, poiché alle urne in corso Vittorio Emanuele II si sono recati solamente i sindaci e i consiglieri dei 115 Comuni della Provincia. Il dato di 31.553 risulta dalla somma degli elettori rappresentati dai grandi elettori, in tutto 274 per il centrosinistra, con sei eletti. La lista di Viola dunque ha superato le due anime dell’ex centrodestra, che da anni si contendono la supremazia territoriale, in una lotta senza quartiere fra vecchi e giovani, anima di destra e di centro. L’ala sovranista, che si riconosce in Fabio Bertusi, già con Alleanza nazionale e poi con Forza Italia, ha fatto eleggere Ferruccio Giovetti di Cremona e Simone Beretta di Crema, oltre a Mirco Poli di Sesto ed Uniti. Con loro si sono schierate la Lega e Fratelli d’Italia, oltre ad alcuni amministratori del centrodestra. E’ stato un successo, per Bertusi, che già guarda alle prossime elezioni comunali sul territorio, con 90 fasce tricolori contese alle urne. Non sono mancati i cittadini che hanno espresso il desiderio di ripristinare le elezioni popolari anche per la Provincia, mentre rimane grande il malumore nei confronti della riforma firmata da Graziano Delrio nel 2014. Meno voti ha ottenuto la parte del centrodestra che ha seguito Massimiliano Salini, europarlamentare con Forza Italia ed ex presidente provinciale, legato a Comunione e Liberazione: con lui si sono schierati i più moderati, anche di estrazione democristiana. E Salini ha rivendicato il proprio ruolo di vera alternativa di governo. Sono stati eletti con i moderati Alberto Sisti, con il record di 7.114 voti ponderati, Giovanni Rossoni e Massimo Mori, grazie ai 204 grandi elettori, rispetto ai 243 dei sovranisti. La lista Viola invece ha avuto 274 grandi elettori ed esprime sei consiglieri, quanti le due liste rivali messe insieme. I consiglieri del centrosinistra sono invece la sindaca di Crema Stefania Bonaldi, Giovanni Gagliardi, cremonese ex segretario della Provincia, Rosolino Azzali sindaco di Corte de Frati, Calogero Tascarella, il sindaco di Soresina Diego Vairani e Ernesto Barbaglio.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata