Il presidente francese Macron vuole destinare la Guyana francese all’estrazione dell’oro. Il progetto russo-canadese Montagne d’Or ha richiesto la concessione per una gigantesca miniera d’oro. Ora, Macron deve decidere sul progetto. Noi chiediamo che rinunci al progetto. Unitevi a questa petizione.

News e aggior­namentiLetteraCA: Al presidente e al governo della Francia

Salviamo la foresta della Guyana francese! Fermate il progetto Montagne d’Or nel territorio francese d’oltremare.

LEGGI TUTTA LA LETTERA
Sarebbe un paesaggio infernale: la concessione del progetto “Montagne d’Or” aprirebbe una voragine di 2,5 chilometri, larga 500 metri e profonda 400. Un consorzio di compagnie russo-canadesi vuole aprire un enorme buco nella giungla della Guyana francese. Potrebbero estrarre 400 milioni di metri cubi di terra, macinando la roccia e processandola con cianuro e altri prodotti chimici altamente tossici, per ottenere quantità minime di oro.

La Guyana francese si trova a nord-est della regione amazzonica. Nel territorio francese d’oltremare, parte dell’Unione Europea. Qui cresce una foresta tropicale in gran parte intatta e un’eccezionale biodiversità. L’area di concessione della compagnia Montagne d’Or copre 190 chilometri quadrati di questa foresta.

Il piano prevede che alcune dighe contengano i 50 milioni di tonnellate di fanghi contaminati derivanti dalla produzione, il che è praticamente impossibile con le abbondanti piogge. Dal 2000, ci sono state almeno 25 incidenti nei siti minerari in tutto il mondo.

Nel 2015, una diga che conteneva residui minerari è crollata in Brasile, causando uno dei più grandi disastri tossici di tutti i tempi, seppellendo persone e comunità. Le acque del fiume Doce sono diventate una colata velenosa che si è estesa per diverse migliaia di chilometri fino alla sua foce nell’Atlantico e oltre.

Se Macron autorizzasse la grande miniera d’oro, costituirebbe un precedente disastroso per il futuro. La popolazione non è stata consultata e i diritti delle popolazioni indigene sono stati violati.

Il collettivo francese Or de question, un’alleanza di ONG in difesa della natura e dei diritti umani, chiede che il governo francese annulli immediatamente i progetti minerari. L’economia della Guyana francese deve dirigersi allo sviluppo sostenibile.

Unitevi a noi e firmate la petizione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata