E’ giallo intorno all’identità del cadavere trovato murato in una villa a Senago, nel milanese. Le indagini del Nucleo Investigativo di Monza e di Desio, coordinati dal pm Rosario Ferracane, proseguono per dare un nome e un volto ai resti che rivelano un decesso risalente a circa 5 anni fa. Ed è in questo arco di tempo che ora si svolge la ricerca delle persone scomparse. Potrebbe infatti trattarsi del corpo di un uomo albanese che sparì da Genova 5 anni fa. Il periodo è compatibile. Il soggetto in questione aveva alcuni precedenti penali ed era quindi a contatto con ambiente malavitosi. A supportare questa ipotesi anche il resto di un indumento che sarebbe compatibile con quanto indossato dall’albanese al momento della sua scomparsa. Ben poca certezza accompagna le supposizioni, che partono dall’evidenza di un cadavere decomposto e ridotto a scheletro. Il ritrovamento era avvenuto martedì da parte di alcuni operai edili durante i lavori di ristrutturazione nella Villa degli Occhi, settecentesco immobile poi destinato ad ospitare dei residence di lusso. Il medico legale intervenuto su richiesta dei carabinieri in seguito al ritrovamento aveva calcolato l’età probabile dell’uomo al momento della morte, compresa tra i 35 e i 45 anni. Sulle cause del decesso ancora non si può dire nulla e le indagini cercano di far luce anche su questo mistero, come sulle modalità dell’occultamento del corpo dietro ad un’intercapedine.  Gli inquirenti escludono qualsiasi coinvolgimento dei proprietari attuali, assolutamente all’oscuro della presenza del corpo murato. Si ipotizza che possa essere sistemato nel muro durante gli ultimi lavoro effettuati sull’immobile, dopo essere stato ucciso nel monzese. Gli assassini avrebbero approfittato del cantiere per far sparire il corpo della vittima.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata