Frequentava la parrocchia nella zona nord di Milano dove svolgeva l’attività di educatore. Per lui – pensionato di 67 anni – sono scattate le manette. L’uomo è stato arrestato dalla polizia con l’accusa di abusi nei confronti di tre bambini cinesi di  10, 11 e 12 anni, che frequentavano la stessa parrocchia. L’ordinanza di custodia in carcere è stata emessa dal gip di Milano Guido Salvini, a seguito delle indagini del procuratore aggiunto Letizia Mannella e del pm Michela Bordieri, condotte dagli agenti del Commissariato Comasina. Stando a quanto ricostruito dalle indagini, l’uomo, pensionato e in passato operaio, frequentava da tempo questa parrocchia dove svolgeva una sorta di attività di educatore ‘per passione’, occupandosi sopratutto di bambini della comunità cinese molto presente in quella zona. In particolare, nell’ultimo periodo tre famiglie in difficoltà gli avevano affidato i loro bambini e lui si occupava anche di portarli a scuola e di andarli a riprendere. Già lo scorso dicembre, però, la stessa comunità cinese, anche a seguito di alcune riunioni di quartiere, aveva iniziato a segnalare comportamenti anomali dell’uomo ed erano scattati i primi accertamenti su di lui. Gli investigatori, quindi, hanno iniziato a fare degli appostamenti e si sono accorti che alcuni bambini uscivano dalla sua casa la mattina, dove avevano passato la notte. Inoltre, un insegnante avrebbe riferito un racconto che le aveva fatto uno dei bambini. A quel punto, sono state installate delle microcamere nella sua abitazione che hanno permesso di documentare le molestie e gli abusi e due giorni fa è scattato l’arresto, poco prima che l’uomo si recasse a prendere i bambini a scuola. I piccoli sono stati portati in una comunità protetta. Gli investigatori nell’ambito dell’indagine ‘vox populi, vox dei’ stanno anche facendo accertamenti per verificare se l’uomo, che avrebbe giustificato le sue condotte come “affetto” per i bambini, in passato possa aver abusato anche di altri minori. Il pensionato è stato interrogato oggi dal gip, alla presenza anche del pm.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata