Piacenza Sempre più difficile garantire tempestività. E’ quanto denuncia il Conapo di Piacenza, il sindacato dei vigili del fuoco che lancia l’allarme: “La situazione non ci consente di garantire il soccorso tecnico urgente con la rapidità e l’efficacia che ci contraddistingue da sempre”. Questi anni per i vigili del fuoco sono caratterizzati da carenza di organico, mezzi di soccorso vetusti e limitate risorse economiche a disposizione dei comandi. Il sindacato definisce la situazione grottesca in termini sia di uomini che di mezzi “Non abbiamo mai perso occasione – si legge nel testo del sindacato – di sottolinearle le evidenti criticità che attanagliano da troppo tempo il Corpo, a partire dalla evidente sperequazione economica e pensionistica nei confronti delle forze di Polizia, passando per le profonde criticità inerenti la tutela infortunistica di questi uomini che, nonostante l’età media sempre più alta, ordinariamente rischiano la vita sia per la cronica carenza di organici, fino ad arrivare alla notevole vetustà dei mezzi con i quali prestano soccorso ed alle limitate risorse economiche con le quali i comandi quotidianamente fanno i conti”. “Vogliamo porre alla sua attenzione – prosegue la nota della Conapo– in particolare la situazione attuale che potrebbe non consentirci di garantire il soccorso tecnico urgente con la rapidità e l’efficacia che ci contraddistingue da sempre. Siamo convinti che i cittadini debbano sapere che nella sfortuna debbano sperare di essere i primi ad essere soccorsi in quanto, qualora non lo fossero, i tempi di intervento si potrebbero dilatare in modo inaccettabile”. Questa situazione non consente di predisporre più di una squadra al giorno e sovente solo un mezzo di appoggio (autoscala, autobotte autogrù ecc.) il che implica il fatto che una volta risposto alla prima richiesta di soccorso qualora vi fosse un’altra criticità in atto i tempi di risposta potrebbero non essere ammissibili. Un problema che si ripercuote anche e inevitabilmente sui distaccamenti provinciali.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata