La gioia e la felicità nascono da ciò che mangiamo. Aboca lo sa e ha ideato il tour “La buona salute”. Un tour in teatri, sale, Auditorium, nelle città italiane, da Roma a Como, da Torino a Firenze, da Milano a Napoli, passando per Fano, Bologna, Salerno, Trieste, per parlare con le persone e far scoprire i nuovi orizzonti del benessere che si costruisce dalla tavola.Un talk show live dove il professor Pier Luigi Rossi, svela i segreti della biochimica della gioia. “Aboca ha voluto questo tour La buona salute per alzare l’orizzonte scientifico della scienza dell’alimentazione. Domina il gossip dietetico, cioè il chiacchiericcio, l’inconsistenza, invece la scienza dell’alimentazione ha nuovi orizzonti scientifici e dobbiamo comunicarli”. “La salute sta nel piatto quotidiano e noi dobbiamo aiutare le persone a guidare la mano che porta il cibo dal piatto alla bocca, si chiama alimentazione consapevole, e fare ogni giorno alimentazione consapevole vuol dire essere protagonisti della propria salute”. “Questa mano che porta il cibo dal piatto alla bocca, introduce dentro di noi ogni giorno dai tre ai due chili di cibo. Il cibo entra nel nostro organismo e lo percorre per tutta la sua lunghezza, l’intestino è lungo cinque volte la nostra altezza. E il cibo dove passa lascia il segno. Se questo cibo è aggressivo verso la parete dell’intestino, genera tristezza e non contribuisce alla gioia. Con una alimentazione più naturale, più vegetale, più marina, possiamo creare le condizioni migliori per produrre la serotonina, il neurotrasmettitore della gioia”. “La serotonina per il 95% è prodotta dall’intestino, per il 5% dal cervello. La serotonina dall’intestino viene trasmessa, attraverso il sangue e le piastrine, a tutto quanto l’organismo, compreso il cervello. Se l’epitelio intestinale non produce serotonina, abbiamo una carenza che porta depressione, modifica il tono dell’umore, genera tristezza, mancanza di vitalità, ansia, un mondo psichico compromesso”. Ma qual è l’alimentazione migliore? E’ quella ovo-pesco-vegetale, come il professor Pier Luigi Rossi spiega anche nel libro, edito da Aboca, “L’intestino, il sesto senso del nostro corpo”. “L’alimentazione ovo-pesco-vegetale è la migliore; che cosa vuol dire? Mangiare tutti alimenti di natura vegetale per quattro giorni e nel quinto giorno due uova e una porzione di pesce. Questa alimentazione garantisce l’integrità dei villi intestinali e dell’epitelio intestinale, generando serenità e gioia”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata