Il benessere animale esiste davvero nei allevamenti intensivi?

Durante la puntata di ‘Green Box Animali’ con la conduttrice Natalie Baronio e l’ospite fisso Claudio Pomo, dell’Associazione ‘EssereAnimali‘ ci hanno parlato del benessere animale negli allevamenti.

Partendo da un allevamento Cremonese che a fine febbraio è stato denunciato per smaltimento illegale di animali e rifiuti pericolosi. L’Associazione ‘Essere Animali’ ha infatti filmato decine di cadaveri lasciati fuori dai capannoni a decomporsi e cumuli di ossa.

Secondo il Regolamento dell’Unione Europea che identifica come pericolosi i resti di animali deceduti all’interno degli allevamenti per via delle malattie infettive trasmissibili all’essere umano. Ciò che è stato documentato quindi, oltre a essere un caso di brutalità, è una chiara situazione di smaltimento di carcasse svolto illecitamente.

Riprenderemo l’argomento delle mucche da latte, ne avevamo già parlato nella scorsa puntata ma oggi ci soffermeremo più sull’impatto ambientale che riguarda la produzione del latte vaccino e la differenza di inquinamento da quello vegetale.

Le ricerche infatti hanno messo in luce come le emissioni di gas serra derivate dalla produzione di latte a base vegetale siano di gran lunga inferiori a quelle del latte vaccino. Per ottenere appunto una quantità equivalente a un bicchiere, quest’ultimo porta a produrre quasi tre volte le emissioni di qualsiasi sostituto non caseario.

Nell’intervista a Paola Sobbrio, medico veterinario fatta dalla giornalista Claudia Barigozzi si parlerà del nuovo libro ‘Gli animali da produzione alimentare come essere senzienti’ scritto a quattro mani da Paola Sobbio e Michela Pettorali, entrambe, da tempo, impegnate sul fronte dei diritti degli animali.  Il tema affrontato è il benessere degli animali negli allevamenti industriali. Il benessere animale tanto decantato, cui guarda la veterinaria pubblica non è quello che coincide con le migliori condizioni possibili per gli stessi animali, ma ciò che tende ad evitale i rischi per la salute umana; il concetto di benessere riferito agli animali da allevamento si fonda, non sull’assenza della sofferenza, ma sul non infliggere sofferenze inutili, senza, tuttavia, fornire chiare prescrizioni riguardo all’utilità, o meno, delle sofferenze che sono, comunque, inflitte.

Non mancate!

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata