Uno degli ultimi provvedimenti della giunta Galimberti è l’approvazione del report 2018 sulle partecipazioni del Comune, documento di oltre 200 pagine dedicato ai bilanci 2013-2017 delle partecipate. Il report 2018 è stato predisposto dal Servizio Programmazione, Controllo di gestione e Rapporti con le partecipate, che fa parte dell’area Segretario generale. In giunta, l’argomento fa capo al sindaco stesso. Per legge il Comune deve eseguire controlli, considerare aspetti di pianificazione di medio e lungo periodo, tener conto dei principali provvedimenti presi e della situazione economica, finanziaria e patrimoniale. Più di venti pagine del report sono dedicate a Centro Padane, Stradivaria e all’autostrada Cremona-Mantova, confermando il rapporto diretto tra la nuova attività di Centro Padane, diventata società di servizi delle due province di Cremona e Brescia, col compito di gestire e pianificare opere stradali e di edilizia pubblica, oltre che manutenzione straordinaria di strade. Per mantenere in vita Centro Padane, però, è indispensabile il buon andamento di Stradivaria, che è partecipata per il 59,2% dalla stessa Centro Padane. E quindi potrebbe essere compiuto uno sforzo di ricapitalizzazione di Stradivaria, per evitarne il passivo di bilancio. Ma Stradivaria esiste al solo scopo di costruire l’autostrada Cremona-Mantova: e la giunta municipale ha confermato di restare in Stradivaria, nella quale Aem ha l’1%. E’ entrata nell’azionariato anche A2A, con una quota molto piccola. E la giunta ha ribadito che occorre presidiare i possibili scenari che saranno decisi dalla Regione, come risulta dagli ultimi incontri con il presidente del Pirellone Attilio Fontana. Il report sottolinea che, dopo il via libera della Valutazione d’impatto ambientale del luglio 2011, “si è in attesa della convocazione della conferenza dei servizi”, tanto più che il progetto è stato rivisto, adeguato e presenta costi ridotti di 250 milioni. Lo stesso Fontana si è preso sei mesi per decidere, e potrebbe pronunciarsi in estate. Il tratto centrale dell’autostrada verrebbe realizzato da Anas, se la Tibre tarderà ancora, mentre Stradivaria si farà carico dei due tronchi che partono dai due capoluoghi, Cremona e Mantova.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata