Rivendicare anche a livello internazionale la specificità, e la qualità, del sistema universitario italiano come motore di innovazione e conoscenza dinanzi alle sfide dell’Agenda 2030. E’ uno degli obiettivi strategici al quale sta lavorando la Rus, la Rete delle Università per lo Sviluppo sostenibile.

E tra le iniziative per concretizzare questo obiettivo c’è l’organizzazione di un grande evento sulla sostenibilità nell’ambito dell’Expo 2020 di Dubai. E’ quanto ha confermato Patrizia Lombardi, presidente del Comitato di indirizzo Rus, partecipando a Pisa alla quarta tappa del giro di Italia organizzato dal Salone della Csr alla scoperta dei Territori della sostenibilità.

Nel corso del dibattito Lombardi affronto le critiche respingendo però con forza l’accusa – sollevate da alcuni ambienti imprenditoriali – di un sistema universitario non al passo con le nuove domande di professionalità. Riguardo ai cosiddetti sustainable jobs, ha suggerito un atteggiamento prudenziale in vista dell reali domande del mercato del lavoro; rilanciando e sottolineando poi l’impegno delle Università nel riformulare già da tempo modelli didattici nuovi e più idonei ad affrontare le sfide del futuro a cominciare dalle professionità e dalle conoscenza da mettere in campo per fronteggiare i cambiamenti climatici.

Nata nel 2015 la Rus oggi mette in rete 64 Atenei che condividono le migliori esperienze in tema di sostenibilità sia per quanto riguarda la gestione della strutture, sia per quando riguarda la diffusione della conoscenze.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata