Brescia  Una lettera, un appello ormai quasi disperato. È questa l’ultima mossa di Legambiente Franciacorta che si rivolge direttamente ai sindaci di Brescia e Milano Del Bono e Pisapia, maggiori azionisti della multiutility a2a, per chiedere che l’azienda ritiri definitivamente il progetto legato alla discarica Bosco Stella. Nell’attuale cava estrattiva, in una località della Franciacorta compresa fra i comuni di Castegnato, Paderno, Ospitaletto e Passirano, saranno destinati 4 milioni di metri cubi di rifiuti. Una situazione inaccettabile per una zona in cui la concentrazione di discariche è già altissima. E allora, considerati anche i recenti cambi di colore politico nelle due maggiori città lombarde, l’appello ad utilizzare il proprio potere per sventare questo pericolo.Un appello, in realtà, Legambiente lo rivolge anche ai sindaci dei 4 comuni direttamente coinvolti nella partita, che a loro volta si sono sempre dichiarati contrari al nuovo impianto. Resta poi l’estrema ratio, l’ultima scelta anche in virtù dei nuovi regolamenti approvati dalla regione Lombardia.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata