Piacenza. L’instabilità del clima di questo primo scorcio d’estate ha provocato già ricadute sull’agricoltura. Nel piacentino, sebbene a inizio stagione le prospettive  per il raccolto fossero buone, le precipitazioni abbondanti dell’ultimo mese non hanno favorito la campagna, anzi. Si sta registrando il ritardo della raccolta dei cereali autunno –vernini, ossia frumento, orzo, segale e triticale. Preoccupazione inoltre per la qualità delle produzioni, nonostante le stima sulle quantità rimangano nella media, a 50/60 quintali per ettaro. Si comincia quindi ora a guardare ai mercati, sperando che le quotazioni del prodotto rimangano stabili.

 

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata