Per quest’anno il Comune non rivedrà i coefficienti per le tariffe della Tari (rifiuti) che hanno portato a incrementi anche di tre volte tanto le bollette di alcune categorie di imprenditori e in particolare ristoratori e pizzaioli. L’ASCOM di Cremona denuncia che sono più di mille le attività in crisi e ha deciso di rivolgersi agli avvocati. Ne abbiamo parlato con il presindete dell’associazione commercianti  cremonesi, Claudio Pugnoli. Sentiamo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata