Cremona. Sinistra per Cremona – Energia civile per Cremona, con un comunicato della portavoce Celestina Villa, attacca lo strapotere del Pd: la maggioranza che sostiene Galimberti ha deciso di assegnare le presidenze di commissione scegliendo non la persona più competente ma chi ha maggiore forza politica. Francesca Pontiggia presidente della commissione Ambiente, Sinistra per Cremona non la vuole. Ha votato astenuto e ora il rischio che si ritrova la Pontiggia è una serie di voti no da Sinistra. Filippo Bonali è il più competente, fa notare il gruppo di Sinistra: la stessa portavoce Celestina Villa ha qualità di amministratrice, quale ex assessore comunale al bilancio, di cui il centrosinistra pare che si sia avvalso più volte dal punto di vista tecnico.Allora a che serve la competenza, la professionalità? Francesca Pontiggia è stata criticata più volte anche sui social network per il salto da Rifondazione al Centro cattolico democratico di Giuseppe Torchio, candidato alle ultime regionali come consigliere, al Pd, dove poi ha avuto un ruolo anche regionale. Dal Usb la Pontiggia è passata alla Cisl. La critica di opportunismo è sempre stata palese.Dure critiche, e da tempo, contro i giovani del Pd: Luca Burgazzi alla cultura vanta semplicemente una laurea. Giovani nel mirino anche in Forza Italia: Fabio Bertusi all’improvviso è un esperto del socio-sanitario e diventa collaboratore della Regione per un anno.

Paolo Zignani

 

Ecco il comunicato:

 

“ Sinistra per Cremona – Energia Civile è molto dispiaciuta per non essere stata messa in condizione di poter contribuire al processo decisionale che ha portato all’individuazione dei nominativi da sottoporre al voto per le elezioni dei presidenti delle commissioni consiliari, poiché trovatasi di fronte a posizioni irremovibili; tale modalità, peraltro, si è discostata dal criterio di rappresentanza di ogni forza politica adottato dal Sindaco nella composizione della Giunta. Per questo ci sentiamo di esprimere il nostro disappunto con un gesto politico netto, che non vuole essere una dichiarazione di belligeranza nei confronti della maggioranza, di cui facciamo parte convintamente e responsabilmente, ma una critica politica al metodo adottato. Far parte di una maggioranza composta da forze politiche diverse comporta necessariamente uno sforzo di mediazione da parte di tutti ma riteniamo che per mediare sia necessario poter discutere le questioni senza condizionamenti e da pari a pari. Per questo motivo oggi Sinistra per Cremona – energia Civile ha votato scheda bianca per le elezioni dei presidenti delle due commissioni”

Sinistra per Cremona – Energia Civile

La portavoce Celestina Villa

 

 

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata