Brescia. Allo scopo di realizzare la Tav Brescia Verona lungo il Garda sono già partite le pratiche compiere i primi espropri. Ai Comuni attraversati dall’infrastruttura, Calcinato, Lonato, Desenzano, Pozzolengo, stanno arrivando da parte di Italferr
i documenti relativi al progetto, e pare proprio che si tratti del Piano particellare degli espropri, cioè l’elenco preciso delle aree da acquisire per aprire i cantieri della nuova ferrovia, annunciati per la fine dell’anno. I documenti non sono sono ancora stati resi noti, tuttavia trapela già che Italferr toglierà terreni ad agricoltori e case ai cittadini che abitano nella zona. Viene colpito anche un Consorzio vinicolo che perderà 225 ettari, non si sa ancora a quale prezzo.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata