Oggi è stata approvata, dal consiglio regionale lombardo, una mozione che riguarda le nuove disposizioni in materia contenute nel decreto “Sblocca Italia”. La Mozione, firmata da Lega Nord e Lista Maroni, chiede alla giunta di intervenire sui parlamentari lombardi per proporre lo stralcio oppure la revisione dell’articolo sui rifiuti del decreto ‘Sblocca Italia’, in modo da evitare che negli inceneritori lombardi vengano smaltiti ulteriori rifiuti urbani di altre regioni. Proprio la Lombardia, infatti, è la regione col maggior numero di inceneritori: ben 13 dei 55 esistenti in Italia. In pratica significa che diversi impianti potranno bruciare fino al 30% in più di immondizia e, oltre a Brescia, col suo impianto più grande dello sivale, A2A, i rifiuti inceneriti potranno aumentare anche a Milano, Dalmine e Cremona. In sostanza, questo decreto sembra porre le basi per sommergere il nostro territorio con rifiuti provenienti dal Sud, da cui proviene già il 50% dell’immondizia. La mozione ha ricevuto il sì del centrodestra e del M5S, dopo alcune modifiche da proposte dai Cinquestelle, e il voto contrario del centrosinistra.   Claudia Barigozzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata