A otto anni dalla strage, la Cassazione ha annullato le condanne all’ergastolo per i cugini trapanesi Vito e Salvatore Marino. In primo grado e in appello, i due erano stati condannati per aver ucciso, in una villetta a Brescia, una famiglia intera: Angelo Cottarelli, la compagna Marzena Topor e il loro unico figlio Luca, di 17 anni. Mario Cottarelli, fratello di una delle vittime, ha commentato la sentenza dicendo che ora bisognerà aspettare altri anni prima di avere giustizia.

 

Claudia Barigozzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata