PIACENZA – Un brutto clima, un clima avvelenato. Con queste parole si può definire quanto sta accadendo a bordo degli autobus piacentini di linea che portano a scuola migliaia di ragazzi, ogni giorno, dopo il vivace battibecco avvenuto tra un autista e un ragazzino di colore e ripreso, di nascosto, da un videofonino. Sono numerose, infatti, le segnalazioni di autisti che denunciano inciviltà e talvolta anche minacce da piccoli gruppi di studenti. La situazione ha raggiunto livelli di guardia che hanno purtroppo determinato la reazione scomposta dell’autista nell’episodio di giovedì scorso. Già nel corso dello scorso anno scolastico alcuni interventi erano stati attivati, ma evidentemente occorre una campagna più capillare che preveda interventi sulla sicurezza attraverso telecamere e maggiore isolamento degli autisti. Per il sindaco di Piacenza, Paolo Dosi, occorre inoltre un’azione di intervento con i responsabili scolastici per realizzare interventi preventivi nelle scuole. Ma il problema non è affatto semplice e lineare. Per il sindacato degli autisti e del personale dei bus, è necessario intervenire innanzitutto nelle famiglie e alla base dei rapporti tra genitori e figli.

 

Vladimiro Poggi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata