Cremona. Rifiuti speciali pericolosi, amianto, fusti contenenti oli che fuoriuscivano e penetravano nei terreni, edifici abbandonati e fatiscenti sono stati individuati nei 30mila metri quadrati della ex Piacenza Rimorchi di Cremona, posti sotto sequestro dal Nucleo operativo ecologico dei Carabinieri di Brescia, il cui raggio d’azione si estende alle province di Cremona, Bergamo e Mantova, in collaborazione con la Polizia Locale cremonese. Salute dei cittadini ancora a rischio, dunque, un paio di settimane dopo un altro sequestro, quello della ex Cavalli e Poli di via San Bernardo, dove lo stesso Noe aveva riscontrato la presenza di rifiuti speciali e pericolosi, di amianto, pneumatici, contenitori con carburante e olio percolante.

 

Claudia Barigozzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata