Questa dunque l’investitura ufficiale da parte del sindaco di Brescia Del Bono di Roberto Moreni nel ruolo di commissario straordinario del Ministero dell’ambiente per l’emergenza Caffaro. Una seconda scelta in merito, dopo che la prima era caduta su Giulio Sesana, ex-direttore dell’Arpa a Brescia. Una candidatura condivisa anche dagli ambientalisti ma sfumata a causa di un’indagine che vedrebbe coinvolto anche l’ex direttore dell’Arpa in una questione legata alla gestione di rifiuti speciali provenienti da un sito fuori provincia. A sei mesi da questo duro colpo il Comune ha quindi espresso una nuova nomina che avrà un ruolo fondamentale come ricorda l’assessore all’ambiente Fondra. Moreni può vantare grande esperienza nella storia amministrativa della città, per anni è  stato funzionario del Comune e poi anche dirigente. L’opposizione però comincia già a mugugnare, chiedendo al Comune di scegliere un profilo che abbia una grande preparazione scientifica per poter trattare questioni ambientali così delicate come quelle legate all’inquinamento da Pcb.

Fabrizio Vertua

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata