Cremona. La fotografia del settore dell’edilizia a Cremona  continua a descrivere una crisi che non vede fine. Dal 2008 ad oggi sono centinaia le imprese che hanno chiuso. Una crisi generale che si è abbattuta duramente sul settore, resa ppiù strutturale dalla difficoltà di accesso al credito da parte delle banche . Ora,  per uscire dal tunnel, si guarda con speranza alla riqualificazione urbanistica, alle nuove infrastrutture e opere pubbliche e alla riqualificazione dell’edilizia privata. Con l’edilizia fanno le spese della crisi  numerosi sottosettori, come l’impiantistica, la  serramentistica; imprese che portano avanti la propria attività sempre sul filo del rasoio. Una possibilità di rilancio è data dalla  riqualificazione energetica . Molte imprese di impiantistica hanno già sperimentato con successo la svolta con la riqualificazione in ambiti specifici delle energie rinnovabili e la riconversione della propria attività. Il futuro del settore sembra passare  dall’ambiente e puntare sulla riqualificazione del patrimonio edilizio pubblico e privato.

 

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata