Cremona. Qualcosa si muove con l’avvicinarsi del Natale, ma la sperata corsa ai regali messa in conto dai commercianti, come sempre , per gli ultimissi giorni che precedono le Festività, quest’anno pare deludente. La flessione delle vendite stimata alcuni giorni fa al 20% rispetto al passato viene rivista con maggiore ottimismo dopo l’ultimo fine settimana  e a ridosso ormai del Natale. E se la  gente non rinuncia a comprare i regali da mettere sotto l’albero, la spesa sembra  più contenuta che in passato. Perfino i negozi dell’infanzia, che notoriamente se la cavano meglio sotto le Feste,  denunciano notevoli cali nelle vendite. Preferiti questo Natale sono i regali utili e vestiti,  accessori e libri. Bene anche la gastronomia. Per l’abbigliamento  gli acquisti più importanti sono rimandati a dopo i saldi, che scatteranno  con l’inizio del prossimo anno, il 3 gennaio. Una vicinanza troppo stretta al Natale per non far slittare le spese più impegnative.

 

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata