Brescia. Non è iniziato nel migliore dei modi il 2015 per l’associazione “SOS RANDAGI” che gestisce il Canile Rifugio di via Girelli, a Brescia. Tra gli ingressi di amici a quattro zampe, scappati da casa a causa dei botti di capodanno ma che, fortunatamente, grazie alla presenza del microchip sono già stati riconsegnati alle famiglie, i malanni della stagione invernale che colpiscono soprattutto gli ospiti più anziani e gli abbandoni che non conoscono mai fine, i volontari sono alle prese con una vera e propria emergenza, quella rappresentata dall’aiuto ai cani da caccia. In soli nove giorni, infatti, ben dieci povere bestiole hanno varcato il cancello della struttura, in condizioni pessime, tra cui cinque di razza Breton e due Setter.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata