Cassazione, guardia giurata: pena confermata

Brescia. 11 anni e 4 mesi per Mauro Pelella, la guardia giurata che il 4 aprile 2011 a Quinzano, nel Bresciano, uccise due rapinatori che stavano fuggendo da una banca: anche la Cassazione ha confermato la pena. I colpi sparati dalla guardia giurata verso l’auto dei malviventi che si stava allontanando furono 15. Otello Astolfi, 62 anni, e Ivan Alpignano, 38 anni, morirono immediatamente. Illeso, invece, il terzo uomo della banda, arrestato in seguito. Pelella, in aula, si è sempre difeso dicendo di aver sparato per legittima difesa, perché pensava che i rapinatori lo volessero investire. Questa tesi, però, in sede processuale non è stata considerata valida.