Cremona. Nella bacheca in viale Po è esposta una delle lettere con cui i residenti hanno cercato di portare   all’attenzione dell’amministrazione comunale i numerosi problemi del quartiere 10.  Punti critici che riguardano in particolare la sicurezza stradale e contro la criminalità, l’illuminazione, la viabilità. Istanze già all’attenzione della precedente amministrazione e ribadite al sindaco Galimberti lo scorso settembre. Saranno ancora in primo piano nel prossimo incontro pubblico del quartiere con il Comune, in attesa di risposte. Sul fronte della sicurezza stradale, carente -come dimostra l’ultimo incidente verificatosi con l’investimento di una ciclista a poca distanza dalle strisce pedonali- si chiede di migliorare la  segnaletica orizzontale, più controlli e più multe a chi parcheggia in divieto di sosta,  una maggior presenza di vigili come deterrente e  qualcuno propone  anche il limite di velocità a 30 km/h   rotonde agli incroci. Per quanto riguarda la viabilità ancora una volta dito puntato contro il senso unico da via Primo Maggio a Via Chiese, che obbliga gli automobilisti a fare inversione a U per tornare in via Trebbia.

 

Susanna Grillo

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata