Cremona. La Procura di Cremona ha notificato l’avviso di chiusura delle indagini sulla vicenda del calcioscommesse, iniziata quasi quattro anni fa, che precede la richiesta di rinvio a giudizio per 130 indagati tra calciatori di Serie A, B e Lega Pro, oltre che ex giocatori e dirigenti sportivi. Tra tutti, spicca il nome dell’attuale commissario tecnico della nazionale, Antonio Conte, indagato per frode sportiva all’epoca del Siena. Ci sono poi il capitano della Lazio, Stefano Mauri, indagato per associazione a delinquere ed è spuntato anche il nome di Stefano Colantuono, allenatore dell’Atalanta, oltre a quello presente fin dall’inizio, invece, di Marco Paoloni, ex portiere della Cremonese, accusato di aver “drogato” i compagni di squadra durante il match Cremonese-Paganese per “alterarne il risultato”. Confermata, inoltre, l’associazione a delinquere a carico di Beppe Signori, Stefano Mauri e Cristiano Doni.  Archiviazione, invece, per Bonucci e Criscito. L’udienza preliminare è prevista per la tarda primavera, il processo, invece, dopo l’estate.

 

Claudia Barigozzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata