Cremona. E’ una situazione critica quella che si registra in Libia, dove la forte presenza dell’Isis e le violenze in corso spingono anche l’Italia a tenersi pronta per una guerra. Prima di abbracciare l’ipotesi di una risoluzione militare dell’Onu, però, sarebbe opportuno percorrere fin dove possibile la via politica e quella diplomatica.Difficile situazione in Libia dove la presenza e le violenze dell’Isis diventano una reale e prossima minaccia all’occidente e all’Europa. Alle prese con sbarchi sempre più numerosi anche l’Italia si interroga sulle scelte da prendere per difendere i propri confini.

 

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata